SPECIALE BOLLICINE

SPECIALE BOLLICINE

#lepaginedelvino – Modena Champagne Experience, era solo ottobre 2019, ci aveva inebriato i sensi con le sue 125 maisons (un affare per oltre 4.500 presenze in fiera per due giorni). Al salone dello champagne, organizzato nei padiglioni eleganti ma essenziali di ModenaFiere (13 e 14 ottobre 2019), risponde l’edizione 2020 di Spumantitalia. Insomma, a cavallo fra 2019 e 2020, si brinda sempre di più con le bollicine. Francia? Italia? Sfida d’altri tempi? O modernissima. O le due cose insieme. Chissà… Ecco l’idea di dedicare un approfondimento speciale al magico pianeta delle bollicine!

Con tutte quelle tutte quelle bollicine… variazione sul tema, Vasco Rossi questa volta lo interpretiamo in chiave metodo classico (ma anche metodo italiano o Martinotti o Charmat che dir si voglia). Insomma, in questo #specialebollicine fila frizzante più che liscio nel mondo dello spumante, anche e soprattutto quello italiano, un mondo e un mercato che sta prendendo sempre più spazio sulla rotta commerciale internazionale.

A Modena l’approfondimento e la partecipazione delle maisons francesi – champagne oblige – ha aperto decisamente la strada ad un settore di appassionati molto speciali, di alto livello e si era già capito bene questo speciale trend nella conclusione spumeggiante del Merano Wine Festival 2019, con una giornata dedicata proprio alle bolle.

Torniamo a Modena prima di andare a Pescara. E come sempre, quando si parla di degustazioni, tendenze, voglia di qualità nei calici dedicati ai vini: il viaggio vale il biglietto e anche il sogno. Andiamo.

Un mondo in fermento

Un mondo in fermento

#lepaginedelvino - Un evento, quello di Pescara che trova dal 23 gennaio il suo quartier generale all’Hotel Esplanade ed è occasione...

leggi tutto
Consigli di degustazione

Consigli di degustazione

#lepaginedelvino - Non c’è bisogno di un pretesto per un brindisi spumeggiante. C’è invece bisogno di arte per degustare al meglio le...

leggi tutto

Circa l'autore

Come potevo festeggiare i miei primi 20 anni di giornalismo? Con un brindisi, certo. E poi scrivendo. Che è sempre meglio che… Con Le Pagine del Vino che sono nate quando sognavo La Professione. Sono rimaste in archivio e adesso tornano. Era il 1980 e mi emozionavo guardando impaginati, timoni, menabò, bozze, grafiche, titoli e occhielli. Firme e servizi fotografici! Rubavo frasi dettate ai dimafoni dai due guru Rota/Ravegnani. E dopo 20 anni eccomi qui a rimetterle in pista…. Ops, online. Nel bicchiere, mezzo pieno e mezzo vuoto, ci sono sempre da degustare le mie passioni: biciclette e soprattutto ciclismo. Cavalli e soprattutto l’amore per gli animali. Natura e la bella fatica che si semina nell’orto con la ricompensa da preparare poi, con amore e per il convivio con gli amici, in cucina. Per condividere. E brindare. Viva le pagine divine. Con buona pace per gli astemi. E tanta Salute!