Un torrone per la meditazione

#lepaginedelvino - Un torrone per la meditazione. Del gusto. Il tema ce lo suggerisce l’edizione 2019 della Festa del Torrone di Cremona che omaggia il genio e la creatività di Leonardo Da Vinci.  Nell’anno delle celebrazioni dei 500 anni dalla sua morte, unendo sotto il segno della creatività un calendario fittissimo di eventi, c'è anche il Torrone da degustare con arte! Noi ve lo proponiamo con un abbinamento d'Oltrepo...

Da sabato 16 a domenica 24 novembre sono in programma ben 9 giorni di spettacoli, concerti, musical, infiorate, performance e numerose iniziative che ogni anno attraggono migliaia di visitatori. Tra le oltre 250 iniziative tra spettacoli, degustazioni e appuntamenti culturali, continuano ad allietare l’anima golosa di Cremona le aree espositive allestite da produttori di torroni e dolciumi provenienti da tutta Italia.

In una special edition quest’anno fa capolino il Turòon-Bau, sabato 23 e domenica 24 alle ore 11 e alle ore 15, presso pontile Lungo Po Europa, gita a bordo del Battello Mattei. In occasione della Festa del Torrone sarà organizzata una gita sul lungo Po durante la quale i passeggeri saranno deliziati da una piccola degustazione di torrone artigianale dell’azienda Rivoltini Alimentare Dolciaria e vino della Cantina Ruinello.

Sabato 23 novembre alle 12.00, al Quarto Terrazza Mediterranea (Piazza Libertà, 26) ci sarà la Disfida del Menu East Lombardy, uno showcooking di altissimo livello con gli chef categoria young più rappresentativi e talentuosi dei territori della Lombardia Orientale - Brescia, Bergamo, Cremona, Mantova - riconosciuti nel 2017 Regione Europea della Gastronomia - che prepareranno per una giuria di esperti un intero menu East Lombardy, dall'antipasto al dolce.

Tra gli eventi principali di domenica 24 novembre alle 10 in Piazza Del Comune verrà presentata la maxi scultura l’Italia di Torrone. Un torrone over size dalle misure di 6 metri di lunghezza che farà bella mostra di sé nella splendida cornice di Piazza del Comune. Al termine della realizzazione, degustazione gratuita per tutti i presenti. L’opera sarà realizzata da Cristiano Rivoltini, dell’azienda Rivoltini Alimentare Dolciaria, Sandro Nitro, del Torronificio Nitro e dal Maestro Pasticcere Nisseno, Lillo De Fraia.

Alle ore 15, presso la Sala Quadri del Palazzo Comunale di Cremona, verrà consegnato il Premio Torrone D’oro alla scrittrice Rosa Ventrella per avere rappresentato Cremona e il suo territorio in Italia e nel mondo.

Sua maestà il torrone, quindi. E per di più di Lombardia. Ma se vogliamo pensare ad un calice che gli tenga compagnia, da che parte giriamo la testa? Lo abbiamo chiesto a Cinzia Balza, esperta di vini e di analisi sensoriali, appassionate Oltrepolover che ci ha risposto così:

L’abbinamento vino-dolci è un tema delicato quanto coinvolgente. Non facile e per questo intrigante. L’evoluzione dell’analisi sensoriale oggi ci offre davvero un mondo aperto di perlustrazioni e di abbinamenti non banali. Anche dove le vie sono complicate… Poi c’è sempre anche il gusto personale di mezzo.  Dunque, a chi mi chiede di consigliare un giusto abbinamento con il classico torrone alle mandorle rispondo che abbinerei un buon moscato tappo raso. E per un’esperienza un’esperienza davvero dolcissima di assonanza, tipologia che si fa anche in Oltrepò con esiti molto fortunati. Se invece il torrone è ricoperto di cioccolato fondente ecco un’arma in più per le nostre papille e per i sensi: perché non accompagnarlo lentamente anche meditando sulla bontà di certi prodotti con un Buttafuoco chinato?

Meditate gente e degustate.

 

I commenti sono chiusi