Il Friuli del vino: tutto in movimento

#Vinitaly2018 - Qui ti parlo di Zorzettig: che si presenta al Vinitaly in continuo movimento. Come il suo Friuli. Come la sua verticale di 10 anni da non perdere per nessun motivo: appuntamento nel segno di Tocai, martedì 17 aprile 2018

#lepaginedelvino -  Cosa vorrà dire il Friuli in movimento per Zorzettig al Vinitaly2018? La risposta arriva dalla casa vitivinicola friulana:  Uno stand completamente rinnovato per l'azienda guidata da Annalisa Zorzettig che propone dieci anni di Friulano in una verticale. Pad 6 Stand E2.

Zorzettig  ha grandi degustazioni in programma. Ecco il movimento. Confermata la posizione (Padiglione 6 – stand E2) ma rivisto lo spazio espositivo in funzione di una migliore accoglienza. Spiega Annalisa donna del vino friulano:  Il nuovo stand riproduce la stessa accoglienza informale che riserviamo nel nostro Relais La Collina in occasione di eventi come la rassegna Convivio, con la quale ogni anno promuoviamo incontri culturali ed artistici.

Il vino è, e sarà sempre più, condivisione di valori ed esperienze, luogo di incontro di culture e visioni diverse.

Annalisa Zorzettig si conferma la dinamica imprenditrice che ha proiettato la cantina di Spessa di Cividale sui mercati internazionali. Sguardo rivolto al futuro e piedi ben ancorati nella tradizione del proprio territorio, i Colli Orientali del Friuli. Terra di grandi bianchi e di vigneti storici.

Sarà il Friulano, di cui ricorre il decimo anniversario dell'attribuzione del nome, il protagonista di una degustazione verticale imperdibile, martedì 17 aprile alle ore 14: Dall'Ultin al Friulano, 10 anni nel segno del Tocai. Una prova della longevità del Friulano che permetterà di scoprire come la rivoluzione dettata dal cambio del nome sia stata uno stimolo per una crescita qualitativa e una ancor maggiore ricerca di tipicità.

Domenica 15 aprile alle ore 15 in Sala Tulipano (Palaexpo) Annalisa Zorzettig sarà una delle protagoniste della degustazione La magia delle vigne vecchie: Le Donne del Vino presentano vini da viti anche di ottant’anni, la prima mai realizzata a Vinitaly di vini da vigneti storici. A condurla ci sarà il giornalista Ian D'Agata che presenterà, tra gli altri, la Malvasia Myò 2016, il cui vigneto risale al 1933.

Sempre domenica, in Sala argento del Palaexpo, alle 11.30 e 16.30 Zorzettig sarà presente a Trebicchieri 2018 – Vinitaly Special Edition, il grande evento di degustazione che vedrà protagonisti i vini tre bicchieri della Guida Vini d’Italia 2018. Martedì 17 aprile alle 12.30 il Friulano Myò 2016 sarà tra i vini proposti nella degustazione curata da Doctorwine (pad 10 stand A4-B4). Per tutta la durata delle fiera sarà inoltre possibile degustare il millesimato di Ribolla Gialla Optimum 2016 presso lo stand Vinibuoni d’Italia (Pad 12 – C2) e il Friulano 2017 all'Enoteca International Buyers’ Lounge (Galleria pad.2/3).

Il legame con la nostra terra è molto forte - prosegue Annalisa - e riteniamo che sia nostro dovere rispettarla ed accudirla. La semplicità dell'accoglienza con del buon Prosciutto San Daniele e un calice di vino è un tratto tipico della nostra gente, un linguaggio universale che portiamo con fierezza nel mondo.

Appuntamento quindi a Vinitaly dal 15 al 18 aprile. Pad 6 Stand E2.

L’azienda Zorzettig si trova sopra uno dei colli più alti della zona di Spessa di Cividale, nella zona del Friuli Colli Orientali da sempre votata alla cultura della vite. Un’azienda nata oltre un secolo fa che da settant’anni imbottiglia il suo vino, che trent'anni fa ha avviato importanti rinnovamenti nelle campagne, nella scelta e riqualificazione dei vigneti autoctoni e nelle tecniche di produzione e imbottigliamento e che negli ultimi dieci ha cercato di evolversi sempre realizzando con la massima cura un prodotto frutto al contempo della tradizione e di tecniche moderne, nel pieno rispetto dell'ambiente e nell'amore per la natura.

 

 

I commenti sono chiusi