BIANCO, ROSSO E… NATALE 2017

#lepaginedelvino - Natale arriva. Puntuale. E per Le Pagine del Vino è un Natale bianco, rosso e... da stappare. Da degustare. Da pensare.

Un Natale che ci fa scegliere un regalo #diVino. Un Natale che ci guida verso un menù da gustare in famiglia, o con gli amici, comunque gustare e abbinare. 

Prima il vino, poi il piatto? E viceversa. Scegli tu come ti piace. Basta che scegli seguendo le regole e il gusto. Possibilmente ragionando sul valore dei prodotti, del made in Italy da sostenere ma qualche deroga è ammessa. Sconfinare non vuol dire barare. Basta farlo con intelligenza. 

Meglio un vitigno internazionale o un vitigno autoctono? Stai in regione o esplori fra Nord e Sud e ritorno? Che bello poter dire arriva un nuovo Natale di Vino e di cose buone da condividere. 

Se cerchi un regalo da stappare o da fare stappare, divertiti con la scelta e con le proposte. Qui ti segnaliamo qualche idea, ma il regalo vero è quello del cuore. E una bottiglia non si sceglie mai a caso. Si pensa col cuore, si ragiona con la testa. Ci si lascia andare anche alla fantasia. 

Dovrai ricorrere a tutti i gusti, allenati spero, per avvicinarti senza esitazione a queste nuove feste che sono poi - da sempre - anche feste dei sensi. Della pace, del brindisi, della tradizione o della voglia di evadere da quella tradizione. A tavola, pranzo o cenone che sia, c'è proprio da divertirsi. 

Andiamo. Qualche pacchetto qua e là. Qualche notizia confezionata ad hoc dal mondo del vino. E anche un'idea alternativa se questa volta prima durante o dopo vorrai pensare ad un Natale in bianco, rosso e ... light. Da abbinare con le bollicine, però. Come ci suggeriscono in Valtellina. Gente che di gusto, di tradizione e di cose buone se ne intende. E sa proporle anche in modo innovativo. Guarda un po'...     

Quella Bresaola eclettica della Valtellina

Se c'è un prodotto tipico di cui vantarsi e che va bene tutte le stagioni è proprio la Bresaola (eclettica) della Valtellina IGP.  Ce lo ricorda in una ricchissima cartella stampa di Natale, l'Istituto Nazionale per la Comunicazione che ci manda un menu ad hoc abbinato a bollicine di champagne, non senza sottolineare l'anima eclettica della Bresaola. Un evergreen della tavola, un passepartout come le scarpe nere col tacco medio, quelle della scarpiera di una attenta signora alla moda, ops di una attenta cuoca che sa gestire sapientemente la propria dispensa. Da abbinare per le ... feste!

La Bresaola a Natale? Perché no. L'idea non è solo bella, è anche all'avanguardia perché ci fa pensare senza essere pesanti, anche alla opportunità di piatti light ma gustosissimi allo stesso tempo. Se poi ce la raccomanda una foodwriter come  Francesca Romana Barberini, che ha ideato il suo menu tutto a base di, beh, tanto di guadagnato (e poi, fra le altre cose, quella leggerezza tornerà utile per una soluzione interessante post abbuffata)

Scrive di lei una nota stampa fatta ad hoc: Poliedrica e cool, da pasto veloce quando si ha poco tempo a ingrediente per ricette  elaborate, la bresaola viene consumata regolarmente tutto l’anno e si presta a  diversi usi, mettendo tutti d’accordo (sportivi, bambini e attenti alla  linea).

La Bresaola della Valtellina IGP si sposa, dunque, con moltissime ricette, ideale anche per la cena natalizia o di fine anno, da interpretare in modo tradizionale o contemporaneo, con leggerezza, esotismo e sperimentazione

 

Regina del menù fa festa nel piatto

Una regina del menù adatta alle 4 stagioni: è lei, la Bresaola! Abbinarla è un’arte che fonde gusto, creatività e sana alimentazione. Per innamorarsene basta assaggiarla, ma spesso la conoscenza non corrisponde alla confidenza.

Non tutti sanno che la sua anima si sposa con tanti alimenti insospettabili: parola della foodwriter Francesca Romana Barberini, che ha ideato questo menu per le feste. Eclettica e sfaccettata, è da provare e scoprire anche con formaggi e frutta di stagione: melograno, cachi, finocchio e castagne. E nei giorni di festa, da abbinare allo champagne…

Come si mangia? Ci sono diversi modi, golosi e spesso senza sensi di colpa, perché una delle sue caratteristiche è proprio quella di adattarsi a centinaia di preparazioni e di essere, al contempo, leggera e nutriente. Facile da mettere in tavola, la Bresaola incontra molti alleati: da pasto veloce quando si ha poco tempo a ingrediente per ricette elaborate, viene consumata regolarmente tutto l’anno: è un salume magnifico, e la sua principale caratteristica per me è proprio la delicatezza – spiega la foodblogger -. Negli abbinamenti, quindi, cerco sempre di fare attenzione a quantità e proporzioni perché altri sapori non ne coprano il gusto delizioso. 

Per il menu delle feste, un’idea stuzzicante adatta all’aria delle feste è il risotto con bresaola, champagne e scamorza affumicata. Tutti i sapori si esaltano a vicenda, in un felice incontro tra sapidità e delicatezza, dolce e aspro, tra note iodate e minerali, rivelandosi un’esperienza sensoriale curiosa e frizzante. Tanto per iniziare ma non solo...

 

Così ti concio (la bresaola) per le feste

Così ti concio (la bresaola) per le feste... non è uno scherzo e nemmeno un gioco di parole. 
La bresaola sa essere protagonista di menu più elaborati, come quelli delle festività. Francesca Romana Barberini, foodwriter, conduttrice e autrice di programmi enogastronomici di successo, ha realizzato 5 ricette che raccontano la Bresaola della Valtellina IGP e che sono un’ottima idea per ogni stagione.

Quella della Bresaola della Valtellina IGP – racconta Francesca Romana Barberini - è una storia di grande successo del made in Italy. Per innamorarsene basta assaggiarla, ma spesso la conoscenza non corrisponde alla confidenza.

Soffre di luoghi comuni e non tutti sanno che la sua anima eclettica si sposa con tanti alimenti insospettabili: in abbinamento con la frutta esotica (ananas, mango e avocado) esalta le note fresche e dolci.

Sa accostarsi a zenzero e fichi secchi tirando fuori la sua anima più decisa; e con l’arancia, il caco, la melagrana o il finocchio dimostra di essere sempre delicata e perfetta anche d’inverno. 

Risotto champagne, scamorza e...

RISOTTO CON CHAMPAGNE, SCAMORZA AFFUMICATA E BRESAOLA DELLA VALTELLINA IGP

Ingredienti per 4 porzioni
240 g di riso carnaroli
150 g di scamorza affumicata
8 fette di bresaola
1 bicchiere di Champagne
20 g di burro
50 g di parmigiano reggiano
fior di sale
pepe
olio extravergine di oliva
acqua

Preparazione
In una casseruola metto un cucchiaio di olio extravergine di oliva, verso il riso nella casseruola e lo faccio tostare per un paio di minuti.
Sfumo con ¾ del bicchiere di Champagne, quindi porto a cottura il risotto, in 15 minuti circa, aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di acqua bollente.
Quasi al termine della cottura aggiungo la scamorza tagliata a pezzettini e il restante Champagne.
Quando il riso è pronto manteco con il burro e il parmigiano e spolvero con il pepe nero macinato al momento.
Quindi decoro con le fettine di bresaola tagliata a julienne e servo.

Fagottini con rucola, caprino e...

FAGOTTINI DI BRESAOLA DELLA VALTELLINA IGP CON RUCOLA, CAPRINO, NOCI E ACETO BALSAMICO

Ingredienti per 4 porzioni
300 g di bresaola
150 g di rucola
100 g robiola
olio extravergine di oliva
fior di sale
pepe in grani
aceto balsamico
fiori eduli con gambo

Preparazione
Faccio affettare la bresaola piuttosto sottile e la prelevo dalla confezione avendo cura di non lacerare le fette.
Stendo la bresaola a fette su un piano.
Pulisco e trito grossolamente la rucola.
In una ciotola condisco il trito di rucola con l’aceto balsamico.
Dopo qualche minuto aggiungo l’olio extravergine di oliva e poco sale.
Dispongo la rucola al centro delle fette di bresaola, aggiungo dei pezzettini di robiola, e le ripiego a portafoglio.
Irroro con un ulteriore filo d’olio e una presa di pepe appena pestato al mortaio.
Decoro con alcuni fiori eduli.

L'insolita piadina con Casatella trevigiana DOP

PIADINA CON CASATELLA TREVIGIANA DOP, SEMI DI GIRASOLE, POMODORINI CONFIT E BRESAOLA DELLA VALTELLINA IGP

Ingredienti per 1 persona
1 piadina
50 g di Bresaola della Valtellina IGP
30 g di casatella trevigiana DOP
5 pomodorini confit
Una manciata di semi di girasole decorticati.
Per i pomodorini confit
5 pomodorini ciliegini maturi
1 cucchiaino di zucchero semolato
Fior di sale
Timo

Preparazione
Spalmo sulla piadina la Casatella Trevigiana.
Appoggio sopra i pomodorini confit, cotti al forno dopo averli conditi con olio, sale, timo, zucchero.
Aggiungo i semi di girasole.
Finisco con le fette di bresaola tagliate sottili

 

I commenti sono chiusi