Scommettiamo sul Prosecco?

#lepaginedelvino - Scommettiamo sul Prosecco? E su  Conegliano patrimonio dell'Umanità? I risultati della ricerca SWG sono incoraggianti e il tifo del territorio e di tanti italiani non manca. Per il 92% degli italiani il Conegliano Valdobbiadene merita di essere nominato patrimonio Unesco. Brindando con un Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene DOCG

Più della metà degli italiani (53%) promuove a pieni voti il territorio e il 22% ha intenzione di visitarlo prossimamente.  L'Associazione Temporanea di Scopo Colline Conegliano Valdobbiadene Patrimonio dell'Umanità, presieduta dal Consorzio di Tutela del Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene DOCG, ha incaricato la società di ricerca SWG di realizzare un'indagine sulla percezione della candidatura a Patrimonio Unesco di tutta la popolazione italiana, degli abitanti della provincia di Treviso e della regione Veneto.

I risultati della ricerca sono stati presentati a Treviso presso la sede della Provincia da Enzo Risso, direttore scientifico di SWG.

L'indagine è stata condotta a livello nazionale e poi focalizzata sui territori regionali e provinciali. La ricerca mostra che anche gli italiani scommettono sulla Candidatura Unesco, infatti 1 italiano su 3 è al corrente della Candidatura e il 61% ritiene che sia molto importante ottenerla, ma soprattutto il 92% ritiene che il Conegliano Valdobbiadene meriti di essere nominato Patrimonio dell'Umanità. Infine per il 71% è probabile che questo avvenga.

I motivi per essere nominati risiedono nella sua unicità, nella natura e il paesaggio che lo caratterizzano e nella sua bellezza risultato del connubio tra storia, natura, arte e coltivazione dei vigneti sulle colline. Per il 70% degli italiani la nomina Unesco avrebbe solo ricadute positive sul territorio, annoverando tra i vantaggi: la maggiore notorietà dei prodotti e delle aziende del territorio. 

Più della metà degli italiani (53%) pensa al Conegliano Valdobbiadene come a una delle zone più apprezzabili d'Italia e, al pari dei locali, pensa che caratteristiche indissolubili dal territorio siano, il vino Prosecco (63%), il vino e l'enologia (59%) e il paesaggio (48%). Il connubio tra bellezza del paesaggio e produzione emerge chiaro anche dalle risposte degli italiani, oltre che dei locali, che per descrivere il territorio usano gli aggettivi produttivo (93%) e bello (91%).

 

I commenti sono chiusi