La ricetta giusta quella della nonna 

Ricette della tradizione di Andrea Casarini raccoglie alcune ricette della cucina tipica popolare dell’Oltrepò Pavese e della Valle Staffora. Un buon libro da tenere sul tavolo di casa per tornare alla cucina povera ma ricca del valore della nostra storia. E per il vino? Abbinamento tipico come suggerisce l'enologo Mario Maffi 

#lepaginedelvino - Oltre 100 ricette scelte tra le più significative e/o simboliche ma anche tra quelle che stanno scomparendo. Le ricette dimenticate. 

Ecco dove punta il libro di Andrea Casarini, che si intitola Ricette della tradizione. Semplice e antico allo stesso tempo, un libro che trae spunto dal quaderno di casa, quello su cui le nostre nonne appuntavano le ricette della tradizione, della famiglia.

A Rivanazzano Terme il volume è stato presentato in un incontro condotto alla presenza dell'autore e di Teresio Nardi, fiduciario della Condotta Slow Food Oltrepò Pavese, con Piera Spalla, gestore dello storico Albergo Ristornate Selvatico (e Cuoca dell’Alleanza Slow Food) e con Laura Disperati, presidente della Biblioteca Civica Paolo Migliora di Rivanazzano Terme.

Al tavolo degli esperti in un viaggio fra sapori dialetto e buone cose anche il contributo di Mario Maffi, enologo esperto di Oltrepo Pavese e di prodotti del territorio, ha sottolineato come la stagionalità dei prodotti e la territorialità è determinante anche per la salute dell'uomo: per fare un esempio calzante sui vini: vi immaginate come potrebbero stare se facessimo bere il barolo ai siciliani quando è estate?

Il cibo e il vino del territorio sono spesso legati ai riti pagani e Cristiani - spiega l'esperto - ed è cultura rammentarlo, trasmettere queste tradizioni che sono parte della nostra storia anche quella dei contadini.

Il vino è spesso stato un ingrediente importante della nostra alimentazione tradizionale. Abbinare il vino ai piatti della tradizione dovrebbe essere la cosa più naturale di questo mondo. Ma se non trovi il quaderno degli appunti della nonna può iniziare da qui: sfogliando le Ricette della tradizione di Andrea Casarini.

I commenti sono chiusi