VINO-OLIOEVO IN TANDEM A MILANO

L'Olio buono di chi fa il Vino buono. A Milano una serata di Grande Degustazione con la Fondazione Italiana Sommelier Lombardia.

In occasione della Cerimonia di consegna Diplomi Sommelier dell’olio e del vino della Fondazione Lombardia, all’Hotel Principe di Savoia, in piazza della Repubblica 17, lunedì 6 marzo 2017 (dalle ore 18,30 alle 22) si terrà un incontro con alcune eccellenze che viaggiano in tandem olio-vino promuovendo il nostro Paese, grazie alle prestigiose aziende Avanzi, Cantine del Notaio, Caprai, Col d’Orcia, San Salvatore, Tenuta degli Angeli.

Sarà quasi un giro d’Italia in doppia degustazione perché toccherà Lombardia, Basilicata, Umbria, Toscana, Campania.  E per il food? Grazie al Caseificio Vallenostra di Mongiardino Ligure ci sarà anche una degustazione dell'antico e rarissimo Montébore, Presidio Slow Food!

E grazie al Salame del Consorzio Dolce Varzi (Salame di Varzi DOP) che delizierà i palati con i suoi migliori cuciti.

    

Avanzi

Avanzi è un'azienda che conta oltre 50 ettari di vigneti dislocati sulla sponda bresciana del Lago di Garda. Quattro presidi d’eccellenza nei quali la posizione geografica, la composizione del terreno ed il microclima sono perfetti per la produzione di vino di qualità.

Quattro splendide tenute, situate sulla sponda sud-occidentale del Lago di Garda dove Avanzi coltiva le sue uve autoctone e le cinque tipologie di olive per produrre il suo Olio del Garda.  Undici varietà di uve: sono coltivate nei suoi quattro vigneti sul Lago di Garda: Trebbiano di Lugana, Pinot Bianco, Chardonnay, Tuchì, Groppello, Barbera, Sangiovese, Marzemino, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc.  Tre denominazioni di origine: prodotte da questa cantina sul Lago di Garda: Lugana doc, Garda Classico doc e Valtènesi doc.

Avanzi  propone in degustazione: Lugana di Sirmione DOC 2016,  Chiaretto Valtènesi DOC 2016, Olio extravergine d'oliva DOP Garda 

Il Sito QUI

Cantine del Notaio

Cantine del Notaio rappresenta una storia fatta di passione per la viticoltura è antica nella famiglia Giuratrabocchetti e si tramanda da 7 generazioni.

Dal 1998 Cantine del Notaio valorizza l'Aglianico del Vulture unendo tradizione, innovazione, storia e cultura del territorio.

L'Aglianico del Vulture è un vitigno noto fin dai tempi dell'Antica Grecia. Cantato dal poeta latino Orazio, è coltivato sulle pendici del Vulcano, il Monte Vulture.

Le tecniche di coltivazione si ispirano a criteri biologici e biodinamici, atti a potenziare l'accumulo di riserva idrica, nonché il contenuto di sostanza organica.

Ecco i prodotti in degustazione: Aglianico del Vulture DOC Il Sigillo 2011; La Stipula Rosé Brut; Olio Extravergine di Oliva Denocciolato Monocultivar Ogliarola 

Il Sito QUI

Arnaldo Caprai

Mister Sagrantino Caprai raddoppia. Al Principe di Savoia, poche settimane fa ha registrato l'en plein con il suo Road Wine Show 2017, presentando sei magnifiche etichette  umbre più una sorpresa.

Ecco. La sorpresa (Vigna del Lago 2012) sarà in degustazione ancora a Milano. In buona compagnia di altre due eccellenze di Montefalco più l'Olio DOP Umbria Colli Martani!

L'obiettivo di oggi è quello di trenta anni fa per Caprai: il lavoro costante e meticoloso a favore della qualità, la ricerca e la sperimentazione di nuove tecniche agronomiche ed enologiche, la diffusione della cultura e della tradizione del territorio di cui l'azienda si fa interprete. Nella vigna come fra le olive!

La sequenza in degustazione: Cuvée Secrète Umbria Bianco IGT 2015; Montefalco Rosso DOC 2014; Montefalco Sagrantino DOCG Vigna del Lago 2012; Olio extravergine d'oliva DOP Umbria, Colli Martani 

Il sito QUI

Col d’Orcia

La tenuta Col d'Orcia, è un'oasi biologica a Montalcino: a partire dal 2010 è iniziato il processo di conversione per ottenere la certificazione biologica e diventare la più grande azienda vinicola biologica (olio-vino) di tutta la Toscana.

Dal 24 agosto 2010, l’intera tenuta - inclusi vigneti, oliveti, seminativi, e persino il parco ed i giardini - sono condotti esclusivamente con pratiche agronomiche di tipo biologico.

Sul fronte "ulivi" sono circa 5.500 le piante distribuite sulla collina posta a 200/350 mt. s.l.m. che da Sant'Angelo in Colle degrada verso il fiume Orcia, regalando un olio biologico da cultivar tipicamente toscane come Frantoio e Leccino.

Ecco la degustazione di Col d’Orcia:  
Rosso di Montalcino DOC 2014; Brunello di Montalcino DOCG 2012; 
Olio extravergine d'oliva Biologico. 

Il sito QUI

San Salvatore

Sono i particolari che rendono le cose speciali... si presentano così quelli (del Bufalo fra le vigne) di San Salvatore 1988. E poi è proprio vero che sono le piccole differenze insieme a fare la differenza.

Come la loro storia: che comincia a metà degli anni ‘40 a Boscoreale, alle falde del Vesuvio. altri tempi, frammenti di emozioni che si riscoprono oggi nell'amore per l’agricoltura, biologica o biodinamica, ma mai intensiva.

Non stressiamo le nostre viti e rispettiamo l’identità ecologica referenziale, i ritmi e le tradizioni di un terroir speciale.

Questa è la terra che, grazie alle sue condizioni pedologiche e climatiche ottimali, già quasi 3000 anni fa aveva regalato vigneti... Vigneti che vivono nel Parco Nazionale del Cilento, in un’area compresa e distribuita tra Stio, Paestum e Giungano.

San Salvatore propone in degustazione: Omaggio a Gillo Dorfles IGP Paestum Aglianico  2013; Trentenare IGP Paestum Fiano 2016; Vetere IGP Peastum Rosè 2016; Olio extravergine d'oliva Biologico.

Il sito Qui

 

 

Tenuta degli Angeli

Se stai attento ne senti già il profumo. L’azienda agricola Tenuta degli Angeli nasce nel 1984 in località S.Stefano degli Angeli, a Carobbio degli Angeli: ed è un vigneto bomboniera come Pierangelo Testa , creatore di questa piccola e stupenda oasi lo ha definito.

Il microclima qui è particolare, c'è un terreno ricco di marne calcaree, un'esposizione a sud e una disposizione del vigneto su terrazzamenti: sommando questi fattori alla grande passione, esperienza e professionalità, il risultato dà: un vino ed una qualità di produzione unica nel suo genere.

La produzione è limitata, ma di altissimo livello e fra i prodotti per così dire di nicchia c'è l'unicum del Vino degli Angeli. Ma anche un olio extra vergine di oliva prodotto da 150  ulivi oltre ad alcuni impianti secolari da sempre in azienda.

Le cultivar di ulivi impiantati variano fra Leccino, Frantoio e Pendolino per creare un olio extra vergine con delicato sentore di carciofo e un leggero retrogusto di mandorla.

Tenuta degli Angeli propone dunque: Brut degli Angeli 2011; Extrabrut degli Angeli 2011; Olio extravergine d'oliva Dagli ulivi degli Angeli; condimento balsamico Balsamo degli Angeli.

Il sito Qui

Il Montèbore di Vallenostra

 

Vallenostra ha riscoperto e produce unicamente il formaggio Montébore. Di quale formaggio stiamo parlando? Di una rarità. Di un regalo del passato. Il Montébore è un sopravvissuto, parla della sua storia, ha lottato per non conoscere l'estinzione, per non sparire dal mondo del gusto e della qualità. Merita rispetto, chiede consapevolezza. Così la pensano in questa speciale azienda, che è anche un agriturismo, con osteria e sala di degustazione. Un luogo da frequentare a qualsiasi ora del giorno...

Un luogo che coinvolge tanto che da qualche anno, per tutto il mese di luglio a partire dalla sua prima domenica, festeggia sui suoi pascoli della Val Borbera, organizzando una speciale colazione che prevede anche una visita al gregge sui prati attorno al caseificio Vallenostra (di Mongiardino Ligure) e un pranzo poi presso l'agriturismo.

Nell'occasione rinnova sempre la sua campagna Adotta una Pecora da Montébore. Ecco dove nasce e si produce il raro Montébore Presìdio Slow Food, lì dove, con il patrocinio della Condotta del Gavi puoi trovare anche altri formaggi pregiati, il vino Timorasso, salumi artigianali e molti altri prodotti dell'azienda agricola.  

Il sito Qui

 

 

Salame di Varzi DOP, il Dolce Varzi

Una festa a pane e salame è un regalo di Dio. Dicevano i nostri nonni. E lo diciamo ancora oggi, soprattutto quando nel pane buono, degustiamo un vero Salame di Varzi DOP, prodotto da aziende artigianali secondo criteri di tradizione, qualità e genuinità d'eccellenza.

Da qui la degustazione di un cucito che presenta un impasto tenero e compatto, morbido al tatto e privo di spazi vuoti; al taglio è rosso vivo con tracce perfettamente bianche della parte grassa. A seconda del periodo di stagionatura, il prodotto emana profumi speziati più o meno marcati, lievi sentori di muffa e fragranza di crosta di pane, aromi erbacei, di legno verde e di mimosa. Il sapore è dolce e delicato, con un retrogusto leggermente amarognolo.

Quello della serata da Principi, a Milano, organizzata dalla Fondazione Italiana Sommelier Lombardia, è un Salame di Varzi offerto dal Consorzio Dolce Varzi, un sodalizio che ha come principale missione quella di proporre sul mercato a marchio il Salame di Varzi DOP prodotto dalle sue aziende artigianali.

Il Consorzio sostiene la diffusione e il consumo del Salame di Varzi Dolce Varzi.  

Il sito Qui

I commenti sono chiusi