Le regole per una pizza da campione

Ecco cinque consigli - regole per una pizza da campione. La ricetta è di Giorgio Sabbatini, Campione del Mondo di pizza al Campionato del Mondo di Salso Maggiore Terme nel 2012, organizzato dalla Scuola Italiana Pizzaioli.

#lepaginedelvino - #specialepizza - Una per una ecco dunque le sue regole d’oro per preparare una pizza leggera, ipo-calorica, che non faccia impennare l’ago della bilancia.

Prima regola - Puntate su un mix di farine ricche di fibra: è’ consigliabile utilizzare un mix di farina di grano duro e farina di grano tenero di tipo 1, più ricca di crusca, fibre e sali minerali e con un maggior apporto di nutrienti e vitamine, come B-1, B-3 e B-5 rispetto alle farine più raffinate. Le fibre, infatti, consentono di assimilare meno zuccheri e meno grassi durante il pasto. Da evitare la farina Manitoba. 

Seconda regola - Dimezzate la mozzarella di latte vaccino oppure provate il formaggio spalmabile light: per tenere sotto controllo le calorie, non scegliete la mozzarella light, ma dimezzate la quantità di mozzarella di latte vaccino, che con il suo sapore delicato si armonizzerà perfettamente con gli altri ingredienti. Da evitare la mozzarella di bufala, troppo calorica. Se amate sperimentare, una valida alternativa light alla mozzarella è il formaggio spalmabile.

Terza regola - Via libera alla salsa San Marzano D.o.p, ma occhio ai condimenti: concedevi il gusto della salsa fatta con pomodori San Marzano D.o.p. che farà la differenza, regalando al palato la giusta gratificazione con sole 23 calorie per 100 grammi. Occhio però ai condimenti, a partire dall’olio (un cucchiaio da minestra apporta circa 110 calorie).

Quarta regola - Nella pre-cottura il segreto per la pizza light: il forno di casa va benissimo per la cottura della pizza, basta adottare qualche semplice accorgimento. Ad esempio, pre-riscaldate in forno la teglia della pizza ancora prima di versarvi l’impasto a 250 gradi ed evitate di attivare la funzione di ventilazione in fase di cottura. Ma il vero segreto per una pizza light e digeribile è nella pre-cottura: stendete l’impasto sulla teglia o su un foglio di alluminio e fatelo cuocere in forno a 250 gradi per 4 minuti, impostando la cottura sia dall’alto che dal basso. In questo modo la pizza inizierà a lievitare, ma anche ad asciugarsi. Dopo la pre-cottura potrete aggiungere il condimento desiderato, rimettendola in forno per altri 4 minuti alla stessa temperatura, ma stavolta facendo cuocere solo la parte superiore.

Quinta regola - Pizza sempre digeribile con la lievitazione controllata: il segreto per rendere digeribile la pizza è nel processo di lenta maturazione dell’impasto che, abbinato alla pre-cottura, consente una lievitazione controllata e che rende la pizza sempre croccante e leggera. La fermentazione controllata consente di preservare quegli aromi che danno fragranza alla pizza. Inoltre, la presenza nell’impasto dei cereali, ricchi di proteine, fibre, sali minerali, migliora anche il valore biologico della pizza.

Infine: il processo con il quale prepariamo la nostra pizza ci rende sicuri di offrire un prodotto leggero, sano, che fa bene al palato e alla salute: usiamo solo le migliori materie prime e la miglior selezione di oli italiani per offrire una pizza ricca di nutrienti di qualità. Parola di campione del mondo.

I commenti sono chiusi