WardaGarda, guarda che olio: d’oro e Dop!

Specchio di Garda qual è l'olio Dop più buono del reame? Le nominations sono state rese note sabato 3 settembre in occasione del Festival dell'Olio Garda Dop. Lo stesso giorno premiati anche i vincitori del campionato di potatura Giorgio Bargioni

#lepaginedelvino  (e dell'olio!) - Sono l'azienda agricola Paolo Vezzola di San Felice del Benaco (Bs), per la categoria fruttato leggero, e l'azienda Madonna delle Vittorie di Arco (Tn), per la categoria fruttato medio, i migliori Olio Garda DOP dell’ultima campagna olivicola.

È questo il risultato della quarta edizione dell'evento L'Oro del Garda, il concorso unico organizzato dal Consorzio di Tutela dell'Olio Garda Dop.

La premiazione si è tenuta sabato a Cavaion Veronese in occasione della prima edizione di WardaGarda – Il Festival dell'Olio Garda DOP nel suo Entroterra. L'evento  ha ospitato anche la consegna dei premi del campionato di potatura Giorgio Bargioni, alla sua prima edizione, promosso sempre dal Consorzio in collaborazione con AIPOL Soc. Coop. Agricola.

festival-wardagarda-22-768x513Gli extravergine Garda Dop della campagna olearia 2015 sono stati esaminati alla cieca da una giuria di assaggiatori professionisti. Nella categoria fruttato leggero, alle spalle del vincitore dell'azienda di Paolo Vezzola,  l'olio Garda Bresciano Dop della cooperativa agricola San Felice di San Felice del Benaco (Bs) e terzo l’olio Garda Orientale Dop dell'azienda Franzini Sas di Cavaion Veronese.

A seguire quarto posto per Il Cavaliere con l'Olio Garda Dop Bresciano e quinto posto per Costadoro di Lonardi Valentino di Bardolino (Vr) con l'Olio Garda Dop Orientale.

Nella categoria fruttato medio prima classificata l'azienda Madonna delle Vittorie di Arco (Tn) con l'Olio Garda Dop Trentino e seconda l'Agraria Riva del Garda di Riva del Garda (Tn) sempre con l'Olio Garda DOP Trentino.

festival-wardagarda-27-768x1151«L'Oro del Garda – spiega Andrea Bertazzi, presidente del Consorzio – quest'anno è stato affiancato dalla prima edizione del Concorso Giorgio Bargioni. Un concorso che mette al centro l'olivicoltura e l'importante lavoro che soci e produttori fanno in oliveto. Bargioni è stato un agronomo a cui l’olivicoltura gardesana è profondamente riconoscente per avere seguito i produttori in un periodo in cui ancora in pochi conoscevano quale sarebbe stato il futuro dell’olio gardesano. Possiamo dire che se esiste la Dop Garda è anche merito suo».

Il campionato di potatura Giorgio Bargioni ha premiato Luigi Ghitti, di Sale Marasino (BS). Il secondo posto è andato a Domenico Fenaroli (Cortefranca, BS), mentre sul terzo gradino del podio sono saliti ex aequo Pietro Paggi (Scanzorosciate, BG) e Luca Rossato (Soiano del Lago, BS). (fonte Studio Cru)

I commenti sono chiusi