Quattro vini per quattro Marenghi. D’oro

Andando in cerca di premi e di vini d'eccellenza come di tartufi ... trovi segnalazioni d'oro nella terra dei tartufi appunto, ah il Piemonte! Lo scorso maggio 2016 i lavori delle Commissioni di degustazione della 42esima edizione del Concorso Enologico provinciale Premio Marengo DOC, organizzato dalla Camera di Commercio di Alessandria con il supporto operativo della propria Azienda Speciale Asperia, hanno decretato i vincitori d’annata

#lepaginedelvino - Uno spumante Alta Langa brut rosato della Banfi Cantine in Strevi, un Gavi del Comune di Gavi dell’azienda Broglia di Gavi, un Barbera del Monferrato Superiore di Tenuta La Tenaglia di Serralunga di Crea e uno Strevi Passito della Bragagnolo Vini Passiti di Strevi sono i quattro vini che hanno conquistato il Premio Marengo d'Oro 2016.

E lo Strevi Passito della Bragagnolo Vini Passiti si è aggiudicato anche il premio Marengo Giovani. Ad essi si uniscono un Gavi del Comune di Gavi  dell'azienda La Smilla  di Bosio  (Premio della critica) ed  un altro Strevi Passito  dell'azienda agricola Ca’ di Cicul  di Strevi (Premio Marengo Donna).

Questi grandi vini fanno parte delle 30 eccellenze delle Doc alessandrine, e cioè dei vini che avendo ottenuto almeno 88 punti si possono fregiare del riconoscimento della Selezione Speciale. Ma sono ben 74 i prodotti che hanno raggiunto il punteggio di 85/100, e che quindi sono stati insigniti del diploma Premio Marengo DOC.

 «La partecipazione di ben 89 aziende, con 271 vini presentati al Concorso, conferma l’importanza per il nostro territorio del patrimonio culturale ed economico costituito dal settore vitivinicolo, una  realtà solida e dinamica, caratterizzato da fenomeni di rinnovamento, innovazione e di ricambio generazionale, soprattutto con l’inserimento di  giovani agricoltori e con la presenza sempre maggiore di imprese a  prevalente partecipazione  femminile» ha affermato Gian Paolo Coscia, presidente della Camera di Commercio di Alessandria.

«Le eccellenze sono rappresentate dai 4 vini vincitori dei Marengo d'Oro e delle altre 26 Selezioni Speciali, - continua Gian Paolo Coscia - ma la panoramica dei 74 vini premiati con il diploma disegna fedelmente il vasto panorama produttivo della nostra provincia, fatto di alta qualità, varietà di denominazioni, estrema capacità di soddisfare qualunque esigenza di gusto e di mercato. Sono queste le motivazioni che spronano l’azione di valorizzazione dei prodotti vitivinicoli di eccellenza della provincia di Alessandria promossa dall’Ente camerale, con un percorso avviato parecchi decenni or sono, a sostegno del grande lavoro che le aziende compiono ogni giorno in vigna e in cantina». 

È  una strada fatta di tradizione e di passione che non si ferma certo qui. «Anche per il 2016 intendiamo sostenere la commercializzazione e la diffusione di questi vini con iniziative avviate durante le scorse edizioni, che molte imprese hanno apprezzato e nuovamente richiesto. Altri progetti sono allo studio e verranno definiti nel corso dei prossimi mesi».

«Voglio infine ringraziare l'Onav e tutti i componenti delle Commissioni di degustazione che con serietà e competenza hanno collaborato alla realizzazione del Concorso; un particolare ringraziamento va al Cavaliere di gran Croce Lorenzo Marinello, che da ben 30 anni  collabora quale dirigente provinciale Onav della sezione di Alessandria - con l’Ente camerale per l’organizzazione ed il coordinamento delle Commissioni di degustazione che effettuano le selezioni dei vini partecipanti alla competizione».

Il Marengo d’Oro dà i numeri - Queste le statistiche della 42esima edizione del Concorso: i campioni di vino presentati da 89 aziende sono stati complessivamente 271, dei quali 14 per la categoria aromatici, 90 per la categoria bianchi, 155 per la categoria rossi e 12 per la categoria spumanti.

Tutti i campioni, sottoposti ad una doppia anonimizzazione, sono stati degustati da 18 commissioni che hanno lavorato dal 10 al 12 maggio, mentre la Commissione Finale composta da enologi, sommelier ed esperti del settore ha operato il 14 maggio 2016.

L’edizione 2016 ha visto confermate le distinzioni introdotte a partire dal 40esimo Concorso,  con l’istituzione in particolare di tre nuove tipologie di premi: Premio Marengo DOC Critica, il Premio Marengo DOC Donna ed il Premio Marengo DOC Giovani.

I vini vincitori sono:

Marengo d’Oro Vini Spumanti
Alta Langa Spumante Brut Rosato 2012
Cuvée Aurosa Rosé Banfi  Cantine  in  Strevi

Marengo d’Oro Vini bianchi
Gavi del comune di Gavi 2015
La Meirana Broglia di Gavi

Marengo d’Oro Vini rossi
Barbera del Monferrato Superiore 2012 – 1930 una buona annata Tenuta La Tenaglia di Serralunga di Crea

Marengo d’Oro Vini aromatici
Strevi Passito 2008
Passione Bragagnolo Vini Passiti di Strevi

Premio Marengo DOC  Critica Gavi
del comune di Gavi 2015 La Smilla di Bosio

Premio Marengo DOC  Donna
Strevi Passito 2009 – Reverentia Ca’ di Cicul di Strevi

Premio Marengo DOC Giovani
Strevi Passito 2008 - Passione Bragagnolo Vini Passiti di Strevi

Attribuzione dei premi come da regolamento del Concorso: 
Premio Marengo DOC: assegnato ai vini che hanno raggiunto il punteggio di almeno 85/100;
Premio Selezione Speciale: assegnato ai 30 vini che hanno ottenuto il punteggio più elevato non inferiore comunque a 88/100;
Premio Marengo d’Oro: assegnato dalla Commissione Finale che ha individuato, tra i vini che si sono aggiudicati la “Selezione Speciale”, il migliore per ciascuna delle categorie bianchi, rossi, spumanti e aromatici;
Premio Marengo DOC Critica:  destinato al miglior vino, scelto tra le 30 Selezioni Speciali, da una Commissione di Degustazione composta da tecnici degustatori, giornalisti, esperti assaggiatori e sommelier, web blogger e opinion leader del settore;
Premio Marengo DOC Donna: destinato al vino che ha ottenuto il miglior punteggio presentato da un’impresa a prevalente partecipazione femminile;
Premio Marengo DOC Giovani: (sia uomini che donne) destinato al vino che ha ottenuto il miglior punteggio presentato da un imprenditore nato a partire dal 1976.

(fonte: Camera di Commercio di Alessandria)

I commenti sono chiusi