Così l’identità fa grande una piccola terra

Una domanda e una bella risposta, dal presidente del Consorzio Tutela Vini Gambellara Giuseppe Zonin: tanto valore e diversità (tipicità) in questa generosa terra: quale  strada avete preso per salvaguardare questo patrimonio e nello stesso tempo  per crescere ancora in qualità e produttività?

#lepaginedelvino - specialeGambellara - La zona di Gambellara è piccola – comprende solo quattro Comuni – con solo circa 800 ettari di vigneto, ma  ha una forte identità ed è proprio questa il suo punto di forza.

La presenza di terreni di natura vulcanica soprattutto con tufi e basalti colonnari e la viticoltura di collina conferiscono ai vini grande mineralità, profumi tipici e piacevolezza gustativa che sono sempre più apprezzati da chi ama scoprire e bere vini territoriali e niente affatto banali. Le colline hanno conservato la loro integrità paesaggistica senza cementificazione esaltando la bellezza unica del nostro paesaggio.

La qualità si fa lavorando bene in vigna e in cantina. Come Consorzio in questi anni abbiamo cercato di valorizzare l’impegno e la professionalità delle cantine associate ottenendo riconoscimenti sulla qualità del Gambellara.

gambellara 4Per primi e unici nella provincia di Vicenza, abbiamo ottenuto la DOCG del Recioto di Gambellara nel 2008. Un altro esempio è stato la sperimentazione realizzata per un decennio sul Vin Santo di Gambellara, con la quale è stato possibile identificare il ceppo di lieviti, presente esclusivamente sull’uva di Gambellara e che è stato registrato con il nome di Zigosaccaromyces Gambellarensis.

Infine, la nostra tipicità è stata valorizzata con uno studio di zonazione dei vigneti individuando 5 sottozone identificate come cru. Ora puntiamo con la promozione a far conoscere sempre più in Italia e all’estero la qualità delle nostre produzioni attraverso iniziative dentro e fuori dal nostro territorio.

Nota di viaggio sul Territorio - La zona dei Vini Gambellara a D.O.C. si estende nel territorio di quattro diversi comuni: Gambellara, Montebello Vicentino, Zermeghedo e Montorso Vicentino. L’area è posta in splendida posizione panoramica allo sbocco della vallata del Chiampo e al limite tra le province di Verona e di Vicenza.

La sua notorietà è legata alle locali produzioni vinicole, ma l’amenità del territorio, le splendide colline dove la vite si trova maritata con l’olivo e il mandorlo e la bellezza dei monumenti la rendono meta apprezzata di gite e passeggiate.

 

 

I commenti sono chiusi