In riso veritas: sfida fra cuochi

Come difendere questa grande eccellenza made in Italy? Con una sfida nord-sud. Ad esempio. Fra due grandi cuochi. Più la Ricci! Per incantare con grandi piatti e soprattutto per un riso italiano da riscoprire: 140 varietà prodotte del nostro Bel Paese

#lepaginedelvino - Sta per partire la seconda fase della campagna Il riso. Non finisci mai di scoprirlo  promossa da Mipaaf in collaborazione con ISMEA. La campagna di informazione è stata sviluppata con l’obiettivo di avvicinare il pubblico al patrimonio risicolo italiano, valorizzandone l’importanza culturale, le proprietà nutrizionali e accrescere la consapevolezza del consumatore a proposito di questa pregiata risorsa.

Il riso rappresenta anche un’eccellenza che va difesa dalle importazioni a dazio zero dei Paesi meno avanzati. Dopo una prima fase che ha interessato il nord Italia, l’attenzione si sposta ora nelle regioni del sud dove il consumo di riso è statisticamente più basso o rilegato ad alcune ricette tipiche appartenenti alla tradizione.

In Italia si coltivano oltre 140 varietà di riso e dunque è fondamentale guidare il consumatore non solo nelle tipologie, ma anche nei diversi utilizzi che può correttamente farne: nasce così il sito www.risodascorprire.it, una vera e propria guida nell’immenso mondo di questo prezioso cereale.

Questa seconda fase della campagna prevede due eventi di showcooking ambientati in due città simbolo del sud Italia, Palermo e Bari, in cui due rinomati chef - uno del nord e uno del sud Italia - si sfideranno sulla preparazione di un risotto.

Ogni chef si esibirà in una ricetta dello chef avversario: lo chef del nord Italia si confronterà quindi con una ricetta meridionale e lo chef del sud con una ricetta settentrionale. La prima serata si terrà a Palermo, il 7 luglio 2016, e vedrà sfidarsi lo chef Andrea Ribaldone de I due buoi di Alessandria e Francesco Piparo, chef del Siciliò Crudo Bar di Palermo.

Un Risotto ceresa e Bareu sarà la proposta di Ribaldone, chef con il Piemonte nel sangue, che sarà contrapposto per sapore e latitudini al Risotto cà Norma di Francesco Piparo, palermitano negli occhi e nel cuore... Nota divina: i vini che verranno proposti nel corso della serata saranno un  Bianco Regaleali – Tasca d’Almerita e  un Rosso Sirah Sallier de la Tour.

La seconda serata si terrà a Bari e vedrà questa volta Andrea Ribaldone confrontarsi con Antonella Ricci, chef del ristorante Ai due ricci e volto televisivo de La prova del cuoco. Dopo ogni contest culinario verrà servita una cena con menù interamente ispirato al riso.


E adesso? Tutti in cucina con lo chef stellato de I Due Buoi!
 Andrea Ribaldone, per ribadire il tema e il valore dell'iniziativa, ti regala una ricetta speciale a base di riso, patate e cozze, intitolata Un piemontese in Puglia. Eccola.

Ingredienti per due persone:  Riso Carnaroli 150 gr, pomodori 2, cozze pelose 150 gr, pecorino canestrato 30 gr, burro 50 gr, olio extravergine 1 cucchiaio, patate dolci 1 gr, glucosio 1 cucchiaio, prezzemolo una manciata, aglio 1 spicchio.

Procedimento: aprire le cozze in pentola con aglio e prezzemolo, pulirle e con la metà fare un battuto e l’altra metà frullarla nel cutter con l’acqua di cottura sino ad avere una crema liscia.

Seccare la pelle dei pomodori a 60° in forno per circa 6 ore, frullare e passare al setaccio fine per ricavare la polvere.  Bollire le patate in acqua non salata e frullarle con la propria acqua di cottura fino ad ottenere un crema liscia, a questo punto aggiungere il glucosio e stendere la crema fine su un foglio di carta da forno.

Seccare per circa 10 ore a 50° e friggere. Tostare il riso e cuocerlo per 12 minuti, mantecare con burro, pecorino, olio e con il battuto di cozze, regolare di sale e pepe. Stendere il riso nel piatto, fare una spirale con la crema di cozze la polvere di pomodoro e spezzettare le cialde di patate sopra

I commenti sono chiusi