Valpolicella: quanta scienza fra le vigne

Dal 13 al 18 giugno 2016, a Verona,  il X Simposio Internazionale Grapevine Physiology and Biotechnology organizzato dall’Università degli Studi di Verona. Con una visita al Centro di appassimento Tedeschi di Pedemonte per conoscere gli ultimi studi pedoclimatici avviati 

#lepaginedelvino -  Dal 13 al 18 giugno presso il Palazzo della Gran Guardia, nel cuore di Verona, si terrà il X Simposio internazionale Grapevine Physiology and Biotechnology, eccezionale occasione d’incontro voluta ed organizzata dai docenti del corso di Laurea di Scienze Viticole ed Enologiche del Dipartimento di Biotecnologie dell’Università degli Studi di Verona.

Verona è a pieno titolo tra i grandi centri di ricerca viticola ed enologica del mondo e questo simposio sarà un momento significativo per analizzare e condividere le scelte attuali e future, per approfondire la conoscenza e delineare il tracciato dell’innovazione nel mondo della vite e del vino.

Professori, ricercatori e studenti provenienti dalle migliori scuole, in particolare Bordeaux (Francia), Geisenheim (Germania), Logrono (Spagna), Porto (Portogallo), Davis (California), Adelaide (Australia), Stellenbosch (Sud Africa), Santiago (Chile), Mendoza (Argentina), potranno discutere i temi più attuali della viticoltura ed enologia, esaminare le problematiche della coltivazione della vite e della produzione del vino, alla luce delle sfide globali climatiche e tecnologiche.

graticci TedeschiNel corso del Simposio anche gli studenti e i laureandi del Corso di studi in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche dell’Università di Verona avranno la grande opportunità di interagire e stabilire contatti per stage e tirocini con Università, Centri di Ricerche e Aziende viticole di tutti e cinque i Continenti.

Tedeschi, storica azienda vitivinicola della Valpolicella ha scelto di sposare questa importante iniziativa e di mettere a disposizione il proprio know-how e i risultati di una costante ricerca scientifica avviata sui propri terreni. Punto fermo della famiglia Tedeschi, infatti, è l’ascolto costante di esigenze, inclinazioni e tempi della terra, per interpretare al meglio ogni singola vendemmia.

Uno stile lungimirante sin dai primi anni ’60, quando Lorenzo Tedeschi ebbe l’idea di vinificare separatamente le uve del vigneto Monte Olmi, per dare origine a uno dei primissimi Cru della Valpolicella.

Oggi questa vocazione è stata recuperata in chiave moderna, adottando innovativi metodi di produzione e gestione dell’ambiente, alla ricerca del vino perfetto, quello che meglio celebra questa magnifica terra.

Gli studi di zonazione, lo studio pedologico della terra, di caratterizzazione, ossia analisi del modo in cui la pianta si esprime da un punto di vista vegetativo e le informazioni pedoclimatiche e fisico-chimiche dei suoli, saranno condivisi con una selezione di ricercatori in visita al Centro di appassimento di proprietà: esso, infatti, è parte integrante del percorso di ricerca e innovazione intrapreso da Tedeschi negli ultimi 20 anni.

Centro Appassimento TedeschiCostruito nel 1995 a Pedemonte con il condizionamento della temperatura e soprattutto dell’umidità, il Centro di appassimento ha rappresentato una miglioria capace di assicurare la massima integrità dell’uva.

«È fondamentale l’attenzione ai dettagli a tutti i livelli: in vigna, in appassimento, in cantina. Ed è grazie a questa meticolosa cura che ogni nostro acino, così come ogni nostro vino, ha una bellissima storia da raccontare», spiega lo stesso Riccardo Tedeschi, enologo di famiglia.

I commenti sono chiusi