Se la birra è un’attrazione femminile

Alla Fiera di Rimini la presentazione della Guida e l'occasione per parlare del lato rosa della birra: un fenomeno che vede le nostre connazionali al primo posto tra le europee in termini di consumi (6 su 10 bevono birra), ma che le impone come le consumatrici più moderate del Vecchio Continente (14 litri procapite/anno)

#lepaginedelvino ( e della birra!) - Arriva al Beer Attraction di Rimini la Guida all’Export per la birra  italiana, un utile strumento lanciato da AssoBirra e pensato per i produttori nazionali di birra – soprattutto per i microbirrifici – che intendono allargare il proprio mercato puntando sulle esportazioni. La Guida, lanciata lo scorso inverno, sarà presentata a Rimini, nell’ambito di Beer Attraction, a partire dalle ore 11,00 nella hall a7c7 allo stand 67, all’interno dell’evento organizzato da Tuttopress Editrice.

Del resto, proprio l’export rappresenta uno dei fiori all’occhiello di questo settore: ogni anno partono dal nostro Paese verso l’Europa e gli altri continenti circa 1.995.000 ettolitri di birra, un dato in crescita del +3,5% nel 2014 rispetto al 2013. AssoBirra, l’associazione dei produttori della Birra e del Malto, ha studiato proprio per sostenere i suoi associati, questa utile guida curata da Carlo Schizzerotto è stata realizzata col contributo di partner d’eccezione come il MISE – Ministero dello Sviluppo Economico; l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (U.I.B.M.) per la tutela della proprietà industriale; SACE per i servizi assicurativo-finanziari a sostegno dell’export e dell’internazionalizzazione; Easyfrontier per le pratiche doganali; il Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra (C.E.R.B.) per quanto riguarda le analisi per l’export; il Brewers of Europe per conoscere i livelli delle accise e dell’IVA nei vari Paesi comunitari; l’Agenzia I.C.E. e la sua rete di uffici in tutti i Paesi del mondo; Banco Popolare per i pagamenti internazionali; Alessandro Artom per la supervisione degli aspetti tecnici e legali degli argomenti trattati.

La guida, da un lato, punta ad analizzare le principali problematiche legate all’esportazione, permettendo una visione d’insieme delle informazioni necessarie e degli strumenti a disposizione per competere con successo nei mercati internazionali; dall’altra parte, punta a creare un desk di esperti nelle varie aree d’interesse, in grado di fornire il supporto necessario alle aziende per avviare o portare avanti con successo il processo d’internazionalizzazione dell’impresa.

I commenti sono chiusi