A San Valentino cucino: eros sum

Chi cerca la bottiglia perfetta.  Chi il regalino. Chi l'abito. Chi fa il prezioso. Chi trova il locale. In funzione dell'occasione: quella per dirle o dirgli Ti Amo. C'è chi vuole stare comunque in compagnia e chi, invece, a casa e cucinare per Lei, per Lui.  Ma cosa cucinare? 

#sanvalentino con #lepaginedelvino - A San Valentino ti cucino io. O meglio, cucino, eros sum: ci prendiamo una licenza poetica per parafrasare il più banale ergo sum, e lo facciamo in cucina. Un consiglio esimio e qualche buona informazione legata al cibo e all'eros, a questo punto, ci arriva da un esperto (dell'alimentazione) e noi lo serviamo subito:

«I pasti costituiti da alimenti semplici, leggeri e facilmente digeribili - afferma il nutrizionista Pietro Migliaccio - possono aiutare ad attenuare i malumori. Sono tanti gli alimenti amici dell’eros con cui poter sperimentare: spezie, prodotti della pesca, cioccolato, ginseng. Tra questi c’è anche il pollo, che ha un contenuto di grassi modesto ed è leggero, soluzione ideale per debellare la sonnolenza post cena derivante da un organismo appesantito e dedicarsi così al proprio partner».

Il potere afrodisiaco di alcuni cibi è un argomento molto antico: già nel XV secolo, infatti, vari testi si interessavano a questo problema cercando di approfondire la credenza popolare che attribuiva ad alcuni alimenti la proprietà di stimolare l’attività sessuale.

Tra questi molti sono spezie come il peperoncino, la noce moscata, il pepe, lo zenzero, i chiodi di garofano, la cannella e lo zafferano; i prodotti della pesca quali ostriche, aragoste, astice ed altri crostacei e caviale; diversi prodotti di origine vegetale quali il sedano, gli asparagi, alcuni tipi di funghi, il tartufo; lo champagne e il ginseng.

L’attribuzione delle proprietà erotizzanti di questi alimenti potrebbero riguardare semplicemente la loro forma (funghi, asparagi), il loro particolare aroma (spezie, tartufi), oppure ricondursi alla capacità di creare un’atmosfera stimolante, basti pensare a una tavola imbandita con pollo allo champagne e fragole oppure con pollo e sedano e per finire una mousse al cioccolato!

«È stato dimostrato  - spiega il nutrizionista - che nel sedano ed in altri vegetali è presente la protodioscina, una sostanza in grado di essere convertita in DHEA (De-Hydro-Epi-Androsterone), un ormone importante per la funzione sessuale. Il Ginseng, radice utilizzata nella medicina tradizionale cinese, contiene, invece, glucosidi ad attività tonico-stimolante in grado di migliorare l’efficienza muscolare ed aumentare le prestazioni fisiche. Anche se non esistono prove scientifiche che dimostrino il potere afrodisiaco di alcuni alimenti, non escludiamo la possibilità che la loro assunzione possa in qualche modo accrescere il desiderio sessuale ed influire positivamente sui rapporti di coppia».

I commenti sono chiusi