Al galoppo col frisone rosso San Leonardo

#lepaginedelvino - Se dovessi abbinare un vino ad un Frisone, proprio così, amica di sella, un meraviglioso frisone, quale sceglieresti? Stai scrivendo a Matilde, un’amica che ti capisce al primo nitrito… Del resto, guarda come si intitola la sua rubrica (Il bicchiere della staffa). Quindi la domanda la puoi rivolgere solo a lei. E chissà perché, appunto, pensi subito ad un brindisi – uno dei tanti – fra te e lei. Gente che ama i cavalli. Se ami i cavalli non puoi non aver perso la testa, almeno una volta, per un Frisone. Lo avrai incontrato – se non altro -  a Verona. Alla mitica Fieracavalli.

Quindi, tornando al bicchiere e al cavallo: pensi ad un vino che ha corpo, naturalmente, con quelle gambe che finiscono in quintali di zoccoli, un corpo che culmina attraverso pelo lungo e folto e lucido, su terra da lavorare e nobilitare. Con la fatica. Del cavallo, dell’uomo. Anche fra le vigne.

Pensi ad un colore: che può essere rosso. Indipendentemente dal mantello. Anzi: un rosso rubino tendente al granato. Limpido e consistente, intenso, complesso, ma fine ed eccellente come il suo passo. Che non fa rumore ma si sente. Lo senti se appoggi l’orecchio al terreno, al suo passaggio. Lo senti quando avvicini il bicchiere al naso. E poi in bocca. Un vino secco e caldo, morbido... stai attingendo dalla tua scheda al corso della Fis. Dal Quaderno Analisi Sensoriale del vino… Chiedi scusa, se sei forse troppo tecnica.

Al limite dello stucchevole. Prosegui: con una dominante olfattiva che è un po’ balsamica, nettamente fruttata, minerale, speziata e coerente con il vitigno. Un vino che – esattamente come al passaggio del frisone in un bosco né bagnato né asciutto - solleva profumi di foglie, funghi e aghi di pino. Equilibrato e pieno, moderatamente fresco e tannico, nobile e sapido. Intenso. Molto persistente. Come il nostro frisone, questo vino ha l'età giusta: è pronto! E tipico. Proviene da uva Cabernet Sauvignon 60% , da Cabernet Franc 30% e da un 10 % di Merlot (come se  il Merlot fosse una stella prolungata in viso e magari anche balzano da 4). Fa 13 gradi. Costa 50 euro ca. Beh, anche con il frisone te la caverai con così poco? Non credi.

IGT Tenuta San Leonardo. Si chiama San Leonardo, questo magnifico esemplare, proprio il nome giusto per un cavallo frisone. Questo vino è prodotto ad Avio, in Trentino. Si è fatto 2 anni di barrique e 4 di affinamento in bottiglia. Come se fosse stato addestrato un po' di più da mani e abilità speciali: ah, che bel mistero il mestiere dell'addestratore di cavalli: un'arte del tutto simile a quella dell’enologo in cantina.
«Giacomo Tachis non vuole che il suo vino sappia di legno» (oggi il vino lo fa Carlo Ferrini, ndr) hai annotato sul quaderno mentre Daniele Rigillo, presidente della Fondazione Italiana Sommelier lombarda ti fa capire come si analizza un vino.

Riparti dunque per la tangente equestre e pensi: sarà un po’ come tuo fratello Mario Rota, addestratore a Cuneo, quando decide che il suo puledro non saprà mai di… frusta? Chissà se hai reso l'idea. Il frisone che stai sognano di cavalcare, ops stappare, dalla bottiglia di San Leonardo si apre in bocca veramente in modo elegante. Lo fa come sanno fare loro, quelli della razza frisona...

Sei impazzita! Ti diranno. No. Hai solo messo in moto sensi e sentimenti, passioni e fantasia. Quella di un vino sincero. Annata? 2008. Sicura che fa solo 13 gradi? Ti chiede Mario Maffi, addestratore della cantina?

Chiudi il quaderno e parti con un altro sogno e un viaggio. C’è Fieragricola, infatti, al via domani. A Verona.  112 edizioni. (Da qui nacque la fieracavalli). È la più importante manifestazione internazionale in Italia dedicata al settore agricolo. Per quattro giorni, dal 3 al 6 febbraio, a Veronafiere. Innovazione e sostenibilità sono i focus di questa edizione. Promuove lo sviluppo del comparto primario, dalla meccanica agricola, alla zootecnia e energie rinnovabili, da agrofarmaci, fertilizzanti, sementi, vigneto e frutteto, fino alla gestione del verde e all’attività forestale. Una filiera che in Italia conta 1,4 milioni di aziende e 1,1 milioni di occupati.

Grande attenzione al tema della meccanica agricola e della zootecnia, da sempre i due pilastri della rassegna, Fieragricola, sul fronte zootecnico, ospita il 15° European Open Holstein Show, dedicato alla razza Frisona (venerdì 5) e la 48ª Mostra nazionale della Bruna (sabato 6 febbraio).

Adesso, cara Matilde, non ti chiederò quale vino abbineresti a questa vacca (e parlo della Bruna che un tempo si chiamava Bruna Alpina). Perché ti lascio con il tuo piede nella staffa al nostro San Leonardo, con il quale stiamo già galoppando felici nel nostro mondo.

Immagini collegate:

I commenti sono chiusi