A Milano c’era una volta Il Gallia. E c’è ancora

#lepaginedelvino - In principio fu Palazzo Gallia ed era il 1932. Nel cuore di una Milano emergente, quella del quartiere di Porta Nuova lui nacque subito sotto una buona stella, anzi sotto le cinque buone stelle, quelle che vestono giusto come un abito su misura un grand hotel. Per diventare - per sempre - uno degli hotel più prestigiosi ed eleganti non solo di Milano.

La belle époque di cui era e resta ancora intrisa Milano - in certi suoi angoli - segnò da subito il destino di questo importante Grand Hotel. Qui accadevano i fatti più importanti e più esclusivi dell'alta società milanese. Qui si formava un'eleganza, uno stile da grandi signori. Qui l'impronta di Carlo Gallia, il proprietario dell'Hotel, era il frutto della ricerca di attenzione e di cura in grado di fare competere la sua raffinata struttura con i migliori hotel d'Europa, quelli che lui stesso aveva frequentato lavorando all'estero, per imprarare l'arte.

Ecco che Il Gallia - forse anche per il suo nome - era ed e' da sempre l'hotel regale di Milano, non solo per la sua architettura ed eleganza ma anche per l'arte dell'accoglienza. Quel cerimoniale molto apprezzato per lo stile e la cura appunto, mai troppo forzato, quasi naturale. Da signori appunto.

Questa tradizione dell'accoglienza, unita alla creatività e al dinamismo tipicamente milanesi, tornano a respirare e pulsare in questi giorni con la riapertura dell'Excelsior Hotel Gallia, che riapre dopo un importante fase di ristrutturazione necessaria. Curato dallo studio di architettura milanese Marco Piva, l’ampio intervento di ristrutturazione architettonica e di interior design del lussuoso albergo di Piazza Duca D’Aosta concilia l’estetica contemporanea con l’originale stile Belle Époque del complesso. Partner di rilievo come Maserati, Shiseido e l’Associazione Montenapoleone fanno dell’Excelsior Hotel Gallia un punto di riferimento nel panorama dell’ospitalità di lusso, come recita la nota stampa che accompagna la notizia di un evento che è bello segnalare.

Domenica 20 dicembre, a partire dalle ore 18.30, l’Excelsior Hotel Gallia, a Luxury Collection Hotel di Milano, riapre dunque con una parata di stelle in occasione della presentazione della nuova Guida Euro-Toques Italia 2016. Caratterizzata da una veste grafica elegante e ricca di informazioni, la Guida contiene le schede dettagliate di circa 170 cuochi degli oltre 200 iscritti all’associazione ed è stata realizzata da Italia a Tavola, il network di informazione leader nazionale per diffusione nel mondo della ristorazione e dell’ospitalità. L’evento sarà un importante momento di incontro e condivisione per Euro-Toques, l’unica associazione voluta, riconosciuta e approvata dall’Unione Europea, che ad oggi conta più di 3.000 cuochi associati e include tutti i 3 stelle Michelin italiani, nonché l’occasione per presentare i suoi importanti partner.

image

La serata si aprirà con un talk show sul tema più che mai attuale Dopo la crisi e dopo l’Expo, la ristorazione come valore sociale, a cui prenderanno parte: Lino Stoppani, presidente Fipe-Confcommercio (Federazione Italiana Pubblici Esercizi); Gualtiero Marchesi, presidente onorario e fondatore di Euro-Toques, considerato all’unanimità lo chef italiano più famoso nel mondo e il fondatore della nuova cucina italiana; Enrico Derflingher, presidente di Euro-Toques International e Italia, senza dubbio il miglior testimonial della cucina italiana nel mondo che, in oltre 30 anni di carriera, ha onorato il Belpaese cucinando, tra gli altri, per la Casa Reale Inglese e per George Bush Sr., oltre ad aver aperto più di 30 ristoranti in Asia; Rocco Pozzulo, presidente della Fic (Federazione Italiana Cuochi); Gianluca Boccoli, vicepresidente di Noi di Sala, l’associazione dei professionisti di sala e cantina; Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola. A moderare gli interventi sarà la celebre eco-foodblogger Lisa Casali.

L’evento proseguirà quindi con un aperitivo curato da Enrico Derflingher e Gianni Tarabini (La Présef, 1 stella Michelin) e con il cocktail bar affidato a Flavio Esposito, barman del Boutique 12 di Milano. Seguirà la cena di gala curata da cuochi stellati di altissimo livello: Chicco e Bobo Cerea (Da Vittorio, 3 stelle Michelin), Alessandro Negrini e Fabio Pisani (Il Luogo di Aimo e Nadia, 2 stelle Michelin), Sandro e Maurizio Serva (La Trota, 2 stelle Michelin), Gaetano Trovato (Arnolfo Ristorante, 2 stelle Michelin) e il maître pâtissier Gianluca Fusto. La musica lounge di Roby Bazzani di RTL 102.5 farà da sottofondo alla serata.

I commenti sono chiusi